• Sara Cattani

I Vinyasa nell'Anukalana Yoga

Se avete avuto modo di provare almeno una volta nella vita l’Anukalana Yoga, forse vi sarete resti conto che è molte lezioni sono composte da vinyasa tra due o più posizioni. Ma che cosa sono e perchè usiamo i vinyasa nella pratica?


I vinyasa sono delle sequenze in cui ripetiamo, respiro dopo respiro, una posizione dopo l’altra. Nell’Anukalana usiamo l’inspirazione per allungarci ed espanderci nella posizione ed espiriamo per ammorbidire tutte le giunture preparandoci alla posizione seguente. Con ogni respiro ci muoviamo, creando un ciclo di posizioni dopo l’altro, permettendoci di svegliare un’intelligenza latente nel nostro corpo: la consapevolezza che il nostro respiro guida il movimento. Ed è proprio il respiro il filo conduttore e la vera potenza della pratica.




I primi cicli di vinyasa saranno goffi, procederemo per tentativi, ci scorderemo di ammorbidire qualche giuntura o di spostare i piedi: ma tutto questo ci serve per rieducarci a sentire tutte le parti che compongono il nostro corpo. E quando saremo consapevoli dell’intero corpo i movimenti accadranno da soli dentro e fuori di noi: il corpo inizierà a muoversi veramente in sintonia con il respiro e quindi in sintonia con ciò che sentiamo. Non ci sarà spazio per i pensieri o per la nostra mente. Sarà il corpo stesso a decidere come allungarsi e come allinearsi, il movimento e il respiro arriveranno in ogni giuntura, in ogni articolazione: sentiremo il migliore allineamento per noi, sentiremo il corpo che si muove senza sforzo, che piacevolmente scopre qual è la via per muoversi più naturalmente, sentiremo le varie parti che iniziano a fluire tutte insieme, integrandosi.


E quando questo accade sentiamo che dentro di noi cresce la voglia di ascoltarci veramente, accogliendo tutto ciò che troviamo sul cammino.

26 visualizzazioni
 

Tel: 3406561501

Centro Satya Yoga asd

Sambucheto, Via Tambroni 28E

  • Facebook
  • Instagram

©2019 by Satya Yoga